Questo sito usa cookies tecnici e cookies di terze parti per la raccolta in forma aggregata e anonima di dati che aiutano la Provincia di Alessandria a migliorare la fruibilità dei contenuti. Proseguendo la navigazione del sito, effettuando uno scroll della pagina o clickando il bottone Accetta, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consultare la voce Informativa cookies
Logo Rete sentieristica
Provincia di Alessandria, Barra della pagina
Settore 1 - Tortona e la Val Curone
Settore 2 - Novi Ligure e la Val Borbera
Settore 3 - Basso Ovadese
Settore 4 - Alto Ovadese
Settore 5  -  Acqui Terme e le sue valli
Settore 6  -  Valenza e San Salvatore
Settore 7  -  Casale e il Monferrato
Settore 8  -  Alessandria e la pianura
Percorso non vedenti
Itinerari

Bandiera italiana    Bandiera inglese
Sei il visitatore N. 695050
dal 05/06/2007
Ultime news

SENTIERO ANELLO DI PADERNA

157

Zona
Settore 1 - Tortona e la Val Curone

Icona pdf Visualizza la mappa (file pdf 682.85 kb)
Icona immagine Visualizza il profilo altimetrico (file gif 8.4 kb)
Icona Google Earth Visualizza il file di Google Earth (file kml 18.65 kb)
Icona Gps Scarica la traccia per il tuo Gps (file gpx 93.65 kb)

Bel percorso ad anello che si snoda intorno al paese di Paderna, offrendo interessanti scorci panoramici sulle colline circostanti.
 
Da Villavernia si prende la provinciale SP134 verso Carezzano, si svolta a sinistra in prossimità del campo sportivo di Paderna e si risale fino alle prime abitazioni del paese, dove si parcheggia in un piccolo piazzale sulla sinistra.
 
 
Dal parcheggio all’ingresso del paese il percorso risale per pochi metri verso il centro abitato e poi svolta a destra in via Schiappagranello, proseguendo poi in lieve discesa su strada inghiaiata fino a sbucare nuovamente su asfalto; il cammino prende a sinistra e segue la strada asfaltata che gira intorno al campo sportivo, tenendo la sinistra anche al bivio successivo seguendo la direzione di Carezzano Superiore.
Il percorso prende la strada vicinale Costa sulla sinistra che dapprima attraversa la tranquilla valletta della Barbissola (Barbisòra) e poi risale a Paderna; con una breve deviazione a sinistra l’itinerario giunge alla bella chiesa di San Giorgio, posta in posizione panoramica, nei cui pressi si trova anche un’area attrezzata coperta.
 
La chiesa di San Giorgio, non fu costruita “ex novo” dai Padernesi, ma probabilmente venne eretta sui resti di un antica abbazia benedettina intorno all’anno 1000.
Ha tre navate: quella centrale dalle dimensioni dei pilastri e dalla loro pianta cruciforme, nonché dalle volte che sono tutte in mattoni romani, si direbbe di stile paleocristiano, mentre quelle laterali più recenti, furono aggiunte in due riprese nei secoli XIII e XIV.
Possiamo trovare, al suo interno, il quadro della Madonna, un quadro di San Sebastiano datato al 1400 ed una piccola campana proveniente dalla scomparsa Pieve di Vezzano.
Di notevole valore è l’antichissima statua in legno della Madonna, ma soprattutto la statua equestre di San Giorgio scolpita in un unico tronco di legno.
Qualcuno l’attribuisce al Maragliano o ad un suo allievo per lo stile leggermente barocco e per altre caratteristiche tipiche di questa scuola. Certo è che essa fu scolpita a Genova e trasportata a Paderna durante la signoria degli Spinola che durò quasi ininterrotta dal 1600 fin oltre il 1700, periodo in cui il Maragliano esplicò la sua apprezzatissima attività artistica.
 
Dalla chiesa il percorso prende la scalinata che scende sulla strada sottostante, dove gira a destra sulla provinciale, seguendo l’asfalto fino ai pressi del cimitero (Mùnticròi), dove svolta a sinistra e imbocca la strada vicinale Carezzano, una strada sterrata caratterizzata dalla presenza di alcune belle querce; il cammino svolta a destra su asfalto e dopo un breve tratto gira ancora a destra sulla strada sterrata del Ridotto (Vùrducc), nei pressi dell’ultimo edificio.
 
Il sentiero scende con un ampio tornante nella valle sottostante, tra filari alberati e campi coltivati, offrendo belle vedute panoramiche sulle colline e sui paesi circostanti; il cammino risale fino a giungere su una strada inghiaiata, dove prende a sinistra lungo la strada vicinale Bosiglia (Busìa) e poi strada vicinale dei Gerbidi (ai Sérb).
Giunto sull’asfalto il percorso prende a destra per pochi metri e poi gira a sinistra sulla strada sterrata Val del Pozzo (Val del Pùs) che attraversa un vigneto e poi un tratto boscato (ai bòsc), snodandosi sul fondovalle fino ad un’ampia radura (à Vignassa); qui il sentiero piega a sinistra, risalendo al margine del bosco fino ad arrivare su una carrareccia che ritorna verso il centro abitato.
Il cammino giunge nei pressi dell’asfalto e piega a destra su sterrato lungo la strada del Pragùn, per poi risalire il versante opposto fino ad arrivare sulla strada asfaltata dove gira a destra, per ritornare al parcheggio dove era iniziato l’itinerario.


Difficoltà
Escursionistico

Lunghezza
8,99 km

Tempo
2 Ore 30 Minuti

Allegato 1: Il punto di partenza
Il punto di partenza

Allegato 2: Inizio del percorso
Inizio del percorso

Allegato 3: La strada vicinale Costa
La strada vicinale Costa

Allegato 4: La Chiesa di San Giorgio
La Chiesa di San Giorgio

Allegato 5: Panorama dalla piazzetta della chiesa
Panorama dalla piazzetta della chiesa

Allegato 6: Strada dei Gerbidi
Strada dei Gerbidi

Allegato 7: Strada Val del Pozzo
Strada Val del Pozzo

Allegato 8: Panorama dal sentiero
Panorama dal sentiero

Allegato 9: Veduta di Paderna
Veduta di Paderna

Allegato 10: I colli tortonesi
I colli tortonesi

Allegato 11: La strada del Pragùn
La strada del Pragùn